martedì 30 maggio 2017

Storia dell'acid jazz di Francesco Gazzara. Prefazione Luca de Gennaro (Meridiano Zero)
























Fresco di release del suo album Portrait in acid jazz (Irma Records) , Francesco Gazzara aggiorna il più importante titolo su un genere elettrizzante! Nato alla fine degli anni Ottanta in Inghilterra, l’acid jazz si è velocemente imposto a livello internazionale tra il 1987 e il 1995, non solo come genere musicale di grande successo ma anche come fenomeno culturale. La sua originalità consiste nella straordinaria sintesi di tanti microgeneri come jazz, funk, latin, rock e hip hop. Dal James Taylor Quartet ai Jamiroquai, passando per i nomi più noti di questa ondata musicale come Brand New Heavies, Galliano, Incognito, Mother Earth e Corduroy, ecco la storia di chi agli albori degli anni Novanta ha radicalmente cambiato i rapporti tra musicisti, dj e pubblico del jazz.

Francesco Gazzara è un compositore di musiche per il cinema e la tv dai primi anni Novanta. I suoi brani sono stati utilizzati per la colonna sonora di Sex and the City (HBO), per gli spot di Jeep, DiSaronno, Fernet Branca, Sky FX. Ha collaborato anche con numerosi registi (Ferrara, Comencini, Del Monte, Archibugi, Muci, Pinelli, Molino, Cammarota, Aleandri) e pubblicato diversi album con i suoi progetti discografici (Gazzara, The Piano Room, Hammond Express). Per oltre quindici anni ha collaborato con varie testate musicali tra cui Rockstar, di cui è stato redattore dal 1995 al 2000. Ha già pubblicato i libri Lounge Music (Odoya) e Mods: La Rivolta dello Stile.

Nessun commento:

Posta un commento