domenica 14 maggio 2017

Il collezionista di conchiglie di Anthony Doerr (Rizzoli)



Otto racconti, storie che accompagnano il lettore dalle spiagge della costa africana alle foreste del Montana fino alle brughiere d'argento della Lapponia. «Raccogliere conchiglie – ciascuna uno stupore – conoscerne i nomi, lasciarle cadere nel secchiello: di questo era piena la sua vita, di questo traboccava. Certe mattine, muovendosi per la laguna, provava l’impulso quasi irresistibile di inchinarsi.» Queste sono otto storie fuori dagli schemi, per- meate da un velo di magia e tuttavia profonda- mente ancorate all’umanità, molto reale, dei personaggi che le abitano. Otto storie che danno forma a una mappatura precisa e avvincente dei diversi paesaggi del mondo e dell’anima, all’interno dei quali le emozioni più intense – il lutto, la perdita, la metamorfosi, l’amore – trova- no un’eco nella natura. In queste pagine si allargano fulgide barriere coralline abitate da molluschi velenosi, remote distese africane di erica gigante, selvagge brughiere argentee silenziose, foreste innevate in immobile attesa del disgelo. E lì, adagiate su un implacabile fondale, si dispiegano alcune memorabili vicende umane. Come quella di un cacciatore del Montana costretto a confrontarsi con la «sensibilità acuta e forestiera» della moglie nei confronti degli animali, o quella, luminosa, di Joseph Saleeby, ladruncolo e perdigiorno, in fuga dalle violenze inaudite della guerra civile liberiana, che in terra d’Oregon vorrebbe trovare redenzione e un luogo da poter chiamare casa. Prima dello straordinario successo di Tutta la luce che non vediamo, che lo ha visto trionfare sulla narrativa contemporanea americana degli ultimi anni, Anthony Doerr compose queste eccentriche prove d’autore, in cui ritroviamo il talento di una scrittura lirica e commossa di fronte al mistero dell’esistenza.

Nessun commento:

Posta un commento