mercoledì 25 gennaio 2017

Psicologia della vita amorosa di Sigmund Freud (Newton Compton)

Come sarebbe la vita umana se si potesse dare libera espressione agli istinti amorosi? Non è dato saperlo, perché la società e la civiltà impongono di volta in volta rigide limitazioni, ingabbiamenti, negazioni. Ricollegandosi alla rivoluzionaria teoria sulla libido infantile formulata nei Tre saggi sulla sessualità, Freud affronta qui i più delicati temi di natura sessuale e affettiva. L’analisi del comportamento amoroso dei nevrotici consente a Freud il passaggio all’indagine della sessualità “normale” e delle sue fasi evolutive. Le inibizioni nello sviluppo di queste fasi costituiscono il fondamento della malattia, mentre la coesistenza degli influssi di fissazioni e di successive frustrazioni legate al reale possono generare atteggiamenti non precisamente “normali” o autentiche patologie.

Nessun commento:

Posta un commento