mercoledì 18 gennaio 2017

La morte a Venezia di Thomas Mann (Einaudi)



Il famoso scrittore tedesco Gustav Aschenbach, che ha basato la sua vita e l'intera opera sulla piú ostinata fedeltà ai canoni classici dell'estetica e dell'etica, è spinto a Venezia da un misterioso impulso. Nell'attimo in cui balena sulla spiaggia del Lido la spietata bellezza del ragazzo polacco Tadzio, Aschenbach avverte il definitivo segno del destino: l'anelito allo sfacelo. La morte a Venezia (1913), oltre che un romanzo, è una cerimonia.

Nessun commento:

Posta un commento