mercoledì 7 dicembre 2016

“La tua giustizia non è la mia. Dialogo tra due magistrati in perenne disaccordo” Piercamillo Davigo e Gherardo Colombo (Longanesi)



Non fatevi sfuggire l’occasione di leggere un libro meraviglioso, ovvero quello di Piercamillo Davigo e Gherardo Colombo dal titolo “La tua giustizia non è la mia. Dialogo tra due magistrati in perenne disaccordo” edito da Longanesi. E il mio non vuole essere un consiglio dettato dagli entusiasmi facili per giallisti di corte, o funamboli psicopatici del noir, insomma un moto di ilare solidarietà editoriale per una moda … no … assolutamente! In queste pagine si ragiona e si dibatte per massimi sistemi tanto sullo stato della Giustizia in Italia, senza malversazione alcuna né pesante miopia, con grande acume e con uno sguardo rivolto ai grandi della ragion filosofica di stato da S. Agostino, a Rousseau sino alla teoria del sorvegliare e punire di Foucault.  Cosa sarebbe l’uomo senza la deterrenza della pena? Potrebbe essere libero ed agire liberamente senza nuocere ad alcuno?  Esiste un Diritto nel Diritto quando si ha a che fare con la corruzione e il malaffare? Un confronto serrato, una conversazione schietta ,  su temi scottanti. Grazie alla loro pluriennale esperienza nelle aule dei tribunali, Gherardo Colombo e Piercamillo Davigo, due tra i più noti magistrati del pool di Mani Pulite, forniscono in queste pagine non soltanto una diagnosi scrupolosa dei tanti mali che affliggono la giustizia del nostro paese, ma avanzano suggerimenti e proposte di riforma, senza nascondere conflittualità e divergenze d'opinione, talvolta radicali.

Nessun commento:

Posta un commento