sabato 24 dicembre 2016

La Certosa di Parma di Stendhal (Oscar Mondadori)



Ambientate in un'Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo del silenzio, lo spazio simbolico dell'isolamento e della rinuncia: la Certosa di Parma. Alla battaglia di Waterloo, che apre come un'iniziazione il percorso del protagonista, Fabrizio scopre che la realtà è indecifrabile e sfuggente. Restano le emozioni, i sentimenti, primo fra tutti la passione amorosa. Ma l'amore tanto cercato sfugge all'infinito: la "caccia alla felicità" si risolve in un gioco di prospettive e di dissonanze...La Certosa di Parma è un romanzo profondamente "realista". Stendhal vi riassume a un tempo lo spaesamento che la nascente società borghese determina nell'individuo immerso in una realtà politica e sociale in continua evoluzione, e la perdita tutta individuale delle illusioni, il disincanto di cui si scopre soggetto a un insieme di forze che dirigono arbitrariamente la sua esistenza, incapace di risolvere i propri dubbi intorno al passato e al futuro.

Nessun commento:

Posta un commento