mercoledì 21 dicembre 2016

Il ventre di Parigi di Emile Zola (Garzanti)



I famosi mercati generali parigini, Les Halles, sono il grande protagonista del romanzo, «un gigantesco ventre di metallo, inchiavardato, saldato, fatto di legno, vetro e ferro». Questa moderna “natura morta”, livida di odori penetranti, di montagne di cibo, di sensazioni violente, scena di duri contrasti tra opulenza e miseria, fa da contorno alle vicende di due fratelli. Uno è un rivoluzionario radicalgiacobino, rinchiuso alla Cayenne per tentativi insurrezionali e rientrato clandestinamente a Parigi; dall'Impero ha avuto solo deportazione e fame. L'altro è un agiato charcutier delle Halles, impegnato nell'ascesa sociale; l'Impero lo ha soggiogato, schierandolo nella piccola borghesia mercantile, corrotta dal denaro e dall'arrivismo.

Nessun commento:

Posta un commento